11.15.2013

You'd be So Nice



Buon Ascolto e buona visione! :)

10.06.2013

Felt This Way

Buon Ascolto! :)

10.04.2013

Julia Kent live@SUPERBUDDA

 Torino, 24/4/2013
Tourbillon
Fall
Kingdom
Only Child
  Buon Ascolto e buon week-end! :)

9.13.2013

Julianna Barwick "The Harbinger"

Buon Ascolto! :)

8.26.2013

Playlist 2/3 2013

Terminato anche il secondo quadrimestre arriva la consueta playlist...ecco, forse solo un tantino più estenuante del solito :) 

TRACKLIST

Buon ascolto...spero! :)

PS: fino a fine settembre/inizio ottobre questo spazio web rimarrà piuttosto fermo, eccetto magari che per qualche brevissima incursione. Impegni lavorativi ed un imminente cambio di casa, suppongo prenderanno un bel po' di tempo, e si sa che la scelta del legno per il palchetto e la perfetta illuminazione per ogni angolo sono scelte piuttosto delicate! :) ...per non parlare dell'impegno che mi costerà cercare di gestire un'improbabile convivenza tra i miei due amatissimi gatti ed un insignificante coniglio nano, che non credo avrà vita lunga...
A presto!

8.23.2013

William Basinski live@ISSUE


William Basinski live at ISSUE - June 2010 from ISSUE Project Room on Vimeo.



Buon ascolto! :)

8.20.2013

Butterflies and Graves


BIRCH & MEADOW "BUTTERFLIES AND GRAVES"

Birch & Meadow non è altro che l'incontro tra la cantautrice svedese Sara Forslund e David Wenngren, quest'ultimo più noto come metà del duo Library Tapes e per le sue passate collaborazioni con il violoncellista Danny Norbury ed il pianista/compositore Peter Broderick.
"Butterflies and Graves", prima release del duo, suona come una pacata, quasi rassegnata, malinconica cupa meditazione dove l'intreccio tra la voce della Forslund arricchita di qualche effetto eco e il minimalismo dei drone che l'accompagnano, o meglio dire, che insieme ad essa si trascinano a fatica esattamente come capita in quei momenti in cui la bile nera oppure l'apatia prendono il sopravvento, riescono ad evocare la sensazione di desolazione, disperazione e tristezza più profonda senza bisogno di altri effetti scenici od arricchimenti compositivi se non qualche delicatissimo tocco di chitarra e sparuti field recordings. E definire i drone come "minimali" forse non è corretto, meglio precisare che i brani si muovono lungo una linea che subisce ben poche variazioni, e quando questo accade risultano quasi impercettibili, tanto che vengono in mente canti sciamanici giocati sulla ripetitività di una stessa lunghezza protratta così a lungo da indurre uno stato ipnotico.
Un lavoro ricco di fascino oscuro ma che in qualche modo riesce ad essere altrettanto ricco di sfocata luminosità, perfetto da ascoltare avvolti nel silenzio degli indefiniti effetti cromatici dell'aurora.
Buon ascolto! :)

8.16.2013

Sigur Rós live@Hurricane 2013

...e buon week-end! :)

8.13.2013

Resonconto "Shaking the Habitual" Göteborg/Oslo

Le premesse erano chiare fin dal titolo stesso dell'album (ed omonimo tour), e dalle poche interviste concesse Karin Dreijer ed il fratello Olof, insieme a tutto il resto del collettivo, avevano avvertito che il tipo di spettacolo ideato non avrebbe concesso mezze misure di valutazione...insomma, o lo si adora o lo si disprezza. Il "Shaking the Habitual" tour difatti è stato concepito come performance artistica in cui i The Knife come duo non esistono più, diventando un collettivo che include ballerini, visual artists, ginnasti, e dove non importa chi è chi o chi fa che cosa, se il brano è completamente in playback e tutti fingono di suonare qualcosa, oppure se le parti vocali e strumentali sono effettivamente reali; lo spirito con cui si deve vivere l'evento dev'essere di totale apertura andando oltre qualsiasi schema classico. Detto questo, trovo davvero ridicolo chi durante i due live che ho visto (o meglio, vissuto), ha avuto così cattivo gusto da fischiare od andarsene per bere qualche schifosa birra in più.



Passato ormai l'effetto entusiasmo da post-concerto, non posso che constatare quanto sia difficile rendere a parole la sensazione provata durante i due live, cosa che, per quanto ben realizzati, nemmeno i video disseminati qua e la da mesi su YouTube possono...specialmente per quanto riguarda Silent Shout, forse la parte più ipnotizzante dell'intero spettacolo, in cui raggi concetrici di luce bianca e colorata trasformano le figure danzanti in ombre che si muovono alla rinfusa ma con estrema grazia.



Seppur Karin (così come Olof) non ha fatto nulla per ritagliarsi dello spazio in più rispetto al resto del gruppo, e spesso risultasse un "tantino" più statica nei momenti in cui si dedicava al ballo, è da dire, tolta la mia innegabile cotta per lei, che si tratta di un magnete capace di catturare tutta l'attenzione su di sé e trasformare qualsiasi movimento od espressione nella parte centrale dell'intera performance...tant'è da risultare impeccabile persino proiettata su uno schermo con barba e baffi a riprendere le fattezze di un giornalista svedese non particolarmente apprezzato dai Dreijer
In tutto questo l'unica pecca, avendoli visti all'interno di due festival: il Way Out West di Göteborg ed l'Oya di Oslo, è stata quella di sorbirmi i gruppi precedenti ed assistere a scene pietose di gente che ormai aveva in circolo birra e non più sangue (tra questi pure la mia amica danese...), ma tant'è, era un'esperienza da vivere e che consiglio! In autunno suoneranno a Parigi, sicché, qualche ora di TGV la valgono :)

8.05.2013

Linnea Olsson - "Summer" session e breve pausa vacanze

Mi prendo una breve vacanza scappando verso le mie amate terre del nord, questa volta per per rivedere finalmente i The Knife a distanza di 7 anni dall'ultima volta. E fatto non trascurabile, ad Oslo e Gotheborg per quanto il caldo abbia portato temperature del tutto inusuali anche per loro, non potrà essere paragonabile al caldo soffocate di questi giorni qui a Torino...tant'è  che trovandomi casualmente a fare da guida ad atlete di Vancouver e Montreal partecipanti ai World Masters Games in corso in questi giorni, poverine, mi hanno confidato che probabilmente dopo la cerimonia di apertura avrebbero rinunciato alle gare per dedicarsi esclusivamente al turismo data l'impossibilità climatica...peccato davvero perchè queste ondate internazionali creano un'atmosfera unica, che permette anche da cittadina di constatare la propensione ospitale della mia città. Od almeno, la prima impressione è che le Olimpiadi del 2006 abbiano invogliato i residenti a sforzarsi un po' più con l'inglese ed una maggiore partecipazione. Ok, basta con il tessere le lodi a Torino, altrimenti questo sembra uno spazio web costola dell'ente turismo Piemonte ;)
Data la pausa vacanza, voglio restare in tema con il consueto profilo unendo le due caratteristiche che amo di più: il violoncello e la Scandinavia, restando però anche in tema con l'estate. Il tutto è unito nei 33 minuti che compongono "Summer" diretto Valerie Toumayan, che riprende la violoncellista svedese Linnea Olsson (se cercate nel blog, in passato ne ho scritto parecchio sulla ragazza), in un corto che va oltre l'idea di una solo session in stile Blogotheque, incorporando sì la Nostra suonare brani del suo ottimo debutto "Ah!", ma esplorando la poesia delle sue musiche arricchendole con un senso di continuità muovendosi attraverso le ambientazioni e le luci dei dintorni di Halmstad, cittadina a sud ovest della Svezia. Particolarmente pregevole risulta la parte finale "It's Ok", in cui la Olsson suona in riva al mare contornata ed ispirata dalle incantevoli luci dei lunghissimi tramonti svedesi.
Buona visione!! :)


PS: molto meno poetico, ma tenendo conto del fatto che per la maggior parte delle persone "estate" significa mare, sole, creme abbronzanti, sabbia infilata nel costume etc etc (cose a me del tutto incomprensibili), da medico mi urge andare oltre le solite raccomandazioni trite e ritrite riguardo scottature, congestioni, colpi di calore, meduse, annegamenti e solita solfa, difatti il mare nasconde anche altre insidie...insomma, non fate come la signora che cerca di fermare la barca con il piede! Se volete provare il benefico effetto  combinato di gas esilaranti e morfina, ci sono altri modi per ottenerli ;)
...se non vi impressiona il sangue: Heel Hanging Off (Part 1) - Bizarre ER - YouTube
Buone vacanze a tutti! :)

8.02.2013

Coil live in Paris, 2004

Ricordo di averlo già postato in passato, ma non compare più tra i post, sicché...


Coil @La Loco, Paris 23/5/2004
The Gimp (Sometimes)
Sex with Sun Ra
Broccoli
All the Pretty Little Horses
Tattooed Man
Teengae Lightning
Wraiths and Strays
Black Antlers 


Buon ascolto e buon week-end! :)

7.30.2013

Okkyung Lee "Ghil"

OKKYUNG LEE "GHIL"
La violoncellista sud-coreana Okkyung Lee sembra proprio non essere interessata al concetto di armonia e tantomeno ad una linearità sonora, seppur il suo strumento forse più di qualunque altro le permetterebbe di indagare all'infinito questi due aspetti. Se come me, nel suono di un violoncello cercate armoniose melodie malinconiche o persino melanconiche giocate su un raffinato minimalismo, nell'ascoltare per la prima volta le distorsioni della Lee è facile che rimarrete dapprima un po' perplessi e scossi, ma è altrettanto facile che le sue sonorità rincuoranti tanto quanto qualcuno che strofina le sue unghie su una lavagna od un povero animale mandato al macello e ben conscio di cosa gli stia accadendo, dopo poco vi catturino col loro senso di indefinito, lasciandovi però sfibrati esattamente come un suo archetto dopo pochi minuti di utilizzo:
L'album in questione, dal titolo "Ghil", è stato registrato in Norvegia con la collaborazione del musicista noise Lasse Marahug in parte avvalendosi del perfetto isolamento sonoro tipico di uno studio di registrazione, ed in parte sfruttando il contributo dei rumori esterni, ed in questo caso, il ronzio elettrico una centrale energetica, lo scorrere della vita nelle strade di Oslo od il vento tra gli alberi e gli scricchioli in una cabina situata nel bel mezzo di una foresta. E se ciò non bastasse, il tutto avvalendosi di un microfono da due soldi ed un registratore a nastro del 1976. Delle 3 ore e più di materiale realizzato l'album è stato editato fino a ridurre il lavoro complessivo a 44 minuti di pura distorsione, caos sonoro, disintegrazioni e "brutalità" che come i suoi precedenti lavori è risulta davvero difficile da ascoltare in una sola volta, al punto che dopo qualche brano è pressoché necessario fare una pausa e dare tregua alle orecchie, ma tuttavia, preso a piccole dosi, è un lavoro piuttosto affascinate ed originale.

Buon (faticoso) Ascolto! :)

7.26.2013

Between Monuments


"Between Monuments" - Valgeir Sigurðsson with Liam Byrne from Bedroom Community on Vimeo.

Buon Ascolto e buon week-end! :)

7.24.2013

My Home, Sinking

"MY HOME, SINKING"

"My Home, Sinking" è il nuovo progetto a formazione aperta del sound artist veneziano Enrico Coniglio, cui si unisce un gruppo di musicisti di rango quali Barbara de Dominicis il cui contributo vocale è immediatamente riconoscibile nelle tracce "Touching the Void" e "Sunset Eyed" accompagnata dal violoncello di Katie English, Laura Sheeran (fantastica in "The Body Tired"), Korg Monotron al pianoforte, sintetizzatore e field recordings, Orla Wren e Marc Aubele. Una fascinosa sinergia di intenti ed un risultato sonoro ben definito quanto caratterizzato da ognuno degli ospiti del progetto con il proprio apporto elettronico ed acustico. Il tutto rilasciato in un'elegante edizione limitata a 250 copie di cui attualmente ne rimangono appena una manciata, ed acquistabili sul sito bandcamp: http://myhomesinking.bandcamp.com
Come al solito, la complessità ed il fascino di un album non possono trovare giustizia in un breve sunto, men che meno in questo caso, sicché:


Qui sotto altre tracce dell'album:


Buon Ascolto! :)

7.22.2013

Histories Repeating as 1000 Hearts Mend

Buon Ascolto! :)

7.19.2013

Aidan Baker live in Antwerp


Antwerp Ambient 2011 - Aidan Baker from Premonition Factory on Vimeo.

...e buon week-end a tutti! :)

ps: blog ripristinato in tutte le sue funzioni

7.18.2013

CocoRosie "Child Bride"

L'ormai consolidata collaborazione tra le sorelle Casady e la film-maker australiana Emma Freeman ha dato sempre risultati più che ottimi, grazie ad una particolare sinergia tra musica ed immagini, testi e luci, ma forse questa volta, più di tutte, la capacità di ritrarre un'incomprensibile usanza deviata, brutale e schifosa in maniera incredibilmente elegante e sobria, è andata ben oltre l'estetica perfetta delle precedenti collaborazioni. Direi un lavoro perfetto:

COCOROSIE - CHILD BRIDE (OFFICIAL VIDEO) from Emma Freeman on Vimeo.

Ricordo anche che Bianca Casady è la curatrice del primo volume del magazine "Girls Against God" (https://www.facebook.com/GirlsAgainstGod), acquistabile qui:http://becapricious.com/index1.php/?p=5276 e la stessa Bianca insieme alla collaborazione di Antony Hegarty, l'artista e scrittrice Judy Chicago, il sindaco di Reykjavik (città così dignitosa da essere l'unica fino ad ora ad avere annullato qualsiasi forma di scambio con la Russia per via delle sue politiche omofobe) Jòn Gnarr, Robyn ed un lungo elenco di altri artisti/musicisti, è co-curatrice del volume "Let's Start a Pussy Riot", acquistabile sul sito della Rough Trade.
Buona lettura e buona (triste) visione!

PS: Google Plus si è intromesso senza volontà nel blog, sicché, temo ci possano essere dei problemi nell'inserimento commenti (e spero non altro). Qualche giorno, per capire come ripristinare il tutto...

7.15.2013

The Dusted Sessions

DATE PALMS "THE DUSTED SESSIONS"
Al duo Date Palms, originariamente formato e composto dalla violinista, sperimentatrice sonora, ideatrice di strani strumenti e flautista Marielle V. Jakobsons (basta cercare nei pecedenti post per accorgersi che è tra le preferite di questo spazio web) e Gregg Kowalsky per quanto riguarda la parte elettronica, per questo terzo album si sono aggiunti ben 3 componenti: basso, chitarra elettrica e tanpura; quest'ultimo internet mi dice essere uno strano strumento a corde di origine indiana...il tutto unito in un complesso volto ad arricchire e non stravolgere la strana miscela sonora del duo.
L'ispirazione polverosa e vorticosa, come già la stessa cover album suggerisce, deriva dalla zona desertica della Death Valley, e più precisamente dal fiume Yuba che scorre lungo la Sacramento Valley. Saranno forse proprio le condizioni di caldo estremo ed i relativi effetti ben poco benefici sul nostro organismo la causa (ed in questo caso ben venga) del tono psichedelico dell'intero album, che in una lentissima progressione ipnotica intervallata di tanto in tanto da correnti più forti e slanciate, si dirama, forse come lo stesso fiume Yuba, tra drone, elettronica, ed il loro caratteristico psychedelic minimalsm, cui emerge con particolare risalto lo strano effetto orientaleggiante dato dal suono del tanpura, in un risultato dal forte impatto psicotropo. Perfetto in queste torride ed afose giornate, almeno, tolte le grandinate super, qui a torino la condizione è purtroppo questa. 
Da sottolineare che i Date Palms suoneranno qui a Torino il prossimo 24 novembre...ma nulla si sa ancora circa i dettagli...insomma, I'll keep you updated! :)




Buon Ascolto! :)

7.11.2013

Pre-Nepenthe

In questi giorni di ferie gli ascolti sono stati parecchi, tuttavia, sarà la nuova influenza islandese che ha segnato il suo ultimo album, ma sulla Barwick mi sono soffermata parecchio...tuttavia l'album deve ancora ufficialmente uscire e quindi ci si dilungherà in tal proposito al momento opportuno... Nel frattempo, quasi come un'introduzione alle sue atmosfere eteree e suggestive, lascio qualche "vecchio" frammento:

Julianna Barwick | Vow | Live @ The Solomon R. Guggenheim Museum from A Story Told Well on Vimeo.


Buon Ascolto! :)

7.05.2013

The Lighthouse Project

AMIINA "THE LIGHTHOUSE PROJECT"

Una delle cose che amo di più quando vengo qualche giorno (e non sono mai troppi) qui a rilassarmi a Copenhagen, è sedermi sulle scalinate antistanti l'Operaen e godermi i lunghissimi tramonti ammirando la riva opposta del canale principale in cui si trova Amalienborg, una delle residenze reali della regina Margrethe...una delle poche che in questo periodo non ha ancora abdicato.
Le mie pessime abilità da fotografa
Questa abitudine di stare il più possibile all'aperto è senza dubbio piuttosto condivisa dai danesi stessi, ed alla vitale caoticità della città, bisogna aggiungere che la mia amica/collega danese in questo periodo è in fissa con Roisin Murphy, Goldfrapp e rimiscenze varie di musica dance di fine '90-inizio '00, dunque non bisogna certo immaginarsi un'atmosfera solitaria e silenziosa...o qualsiasi cosa le persone mediterranee pensano erroneamente della scandinavia e degli scandinavi.
Tuttavia, inoltrandosi nei canali più nascosti dalle guide per turisti, od andando direttamente in direzione KoncertHuset o Black Diamond, si può godere di una maggiore tranquillità e di fascinosissimi riflessi che il sole va a creare sulle superfici ultra-contemporanee in vetro ed acciao delle strutture. Insomma, poco importa la location, sono tutte perfette!
Così, cuffiette nelle orecchie ed iPhone/iPad carichi di musica, in questi giorni i tramonti si accompagnano perfettamente col il nuovo album del quartetto islandese tutto al femminile Amiina (anche se le aggiunte maschili di tanto in tanto non mancano). Forse non l'album più fascinoso dell'anno, tuttavia mi prendo la libertà di schierarmi sempre con gli islandesi (Bjork compresa!), ed ammettere (se non fosse già chiaro) che ho un occhio di riguardo per tutte le scandinave/i in genere :) ...sicchè conto i giorni che mi separano dal concerto dei The Knife (35).
P.s.: comunque non lavoro per l'ente promozione al turismo danese, s'intende, è tutta ammirazione gratuita :)


 

Concerto antecedente l'uscita di "The Lighthouse Project", ma degno di attenzione:
Buon Ascolto! :)

6.29.2013

Maya Beiser live e poi vacanza!

È giunto il momento di dedicarmi ad un paio di settimane di vacanza, il chè vale anche per questo spazio web...anche se qualche incursione poco impegnativa magari ci sarà lo stesso. Ma giusto poche ore prima che il mio volo parta, come se non bastasse già la solita ansia di aver messo tutto in valigia ed avere preso tutti i biglietti/documenti necessari, la Beiser si è prepotentemente ripresentata nella mia testa. Sono anni ormai che mi dibatto sulla signora in questione, mai una musicista mi ha lasciata più combattuta di questa violoncellista israeliana sull'importanza della questione estetica nella musica. Come scritto in più post a lei precedentemente dedicati (e se volete farvi una risata, rimando ad un mio vecchio post dedicato solo al suo look: http://omote-no.blogspot.it/2011/06/ben-oltre-il-one-man-band-ma-meno-dei.html), trovo la sua musica e la sua corposità sonora decisamente fascinosi e convincenti, ma forse perchè abituata al fascino discreto e ben più sobrio delle altre top-celliste (Kent, Gudnadottir, Keating, Olsson, Hespvall, Szelag, Rule etc etc), questo palesare un atteggiamento un po' (tanto) da milf mi devasta uno strumento così fine ed elegante trasformandolo in un oggetto dalle mille interpretazioni. E non è che sia solo una mia fissazione, basta leggere i commenti su youtube per rendersi conto che quando c'è la Beiser di mezzo, tutti i commenti sono sex oriented! :)
...comunque suona bene! 
Buon Ascolto ed a presto! :)

6.27.2013

Nocturnes

WILLIAM BASINSKI "NOCTURNES"
Sono dell'idea che la musica di Basinski non possa essere descritta con le parole, sarebbe come descrivere il suono prodotto da un pianeta nel suo moto rotazionale od il suono prodotto da una galassia...cosa impossibile dato che dalle poche reminiscenze di fisica so che il suono non si propaga nel vuoto...ma se potessimo percepire o catturare quel suono, probabilmente avrebbe la stessa carica di profondità e mistero. Allo stesso modo credo che i loops di Basinski riescano a catturare l'essenza del suono prodotto da ciò che all'opposto, rappresenta l'infinitamente piccolo, dunque i movimenti degli elettroni negli orbitali atomici, gli atomi che si scontrano, od ancora la formazione di uno ione quando l'elettrone più esterno viene ceduto od acquistato...in questo caso non so se il rumore prodotto da questi fermenti di particelle infinitesimali possa essere catturato, ma se fosse possibile, credo varrebbe lo stesso che per l'infinitamente grande. Ed ancora, forse più alla nostra portata, per certo i loops di Basinski riescono a catturare il lato più inconscio ed allo stesso tempo quello più introspettivo del nostro essere...certamente meno fascinoso rispetto a ciò che compone la materia e lo spazio, ma non per questo meno complesso o più facilmente accessibile. 
Di sicuro, come facile intuire dalle parole prive di senso scritte fino ad ora, i loops di Basinski mi ipnotizzano senza che vi sia alcuna capacità né volontà di cercarvi un significato preciso. Ad ogni ascolto le sue atmosfere, o meglio, i suoi mondi in musica evocano ricordi o sensazioni diverse, così, senza alcuna presunzione di giungere ad una chiave in grado di decifrare le intenzioni di Basinski, bisognerebbe cercarsi un luogo adatto, in solitudine e lasciare che il suo minimalismo diventi un caos insostenibile a causa dei pensieri, riflessioni e ragionamenti che al suo ascolto scorrono  inevitabilmente nella mente. In queste sere d'inizio estate io guardo le sfumature di luce riflesse sulle nuvole durante il lento imbrunire, da un rosso acceso si attenuano man mano col buio...e non so se le nuvole nei loro spostamenti producano del rumore (esclusi i tuoni), ma nei loops di Basinski credo sia incluso anche questo... :) #pensieridistorti 
Meglio ascoltarlo senza paturnie insensate vah:



William Basinski from Gianmarco Del Re on Vimeo.

Buon Ascolto! :)

6.25.2013

Gravity

BEN LUKAS BOYSEN "GRAVITY" 

Seconda uscita nel corso del 2013 per Ben Lukas Boysen che abbandonato, forse per il momento o forse definitivamente il moniker Hecq e la sua natura più dedita all'IDM al glitch ed all'elettronica più pulsante, sotto la sua vera identità si dedica con particolare bravura a sonorità dotate di maggior raffinatezza giocate sul delicato intreccio tra ambient, avant garde e minimalismo strizzando l'occhio alla classica contemporanea.
Mentre "Mother Nature", uscito pochi mesi fa (qui), per quanto piacevole si limitava ad essere una OST con molti spunti interessanti ma poca personalità, "Gravity" invece sembra aprire un nuovo percorso per Boysen.
La visione caleidoscopica del suolo terrestre vista dall'alto...da un satellite o da un aereo, poco importa, scelta come art-work del suo album, riflette l'essenza della sua sonorità: una fastosità di suoni ed elementi che racchiudono una fragilità di fondo giocata su sottili e melancoliche linee di piano (notevolissime in  To The Hills), sonorità soffuse, synth profondi e percussioni che accompagnano delicatamente le lente variazioni.
Buon Ascolto!

6.22.2013

Híbakúsja

...e buon week-end! :)

6.19.2013

Where We Were


GREG HAINES "WHERE WE WERE"
Sebbene i 4 precedenti lavori del compositore/sperimentatore e violoncellista inglese Greg Haines non abbiano mai seguito una linea precisa e consolidata, se non la sola costante caratteristica di rielaborare le componenti strumentali organiche in lunghissime sessioni studio volte  a "dronizzare" (mi si passi il termine) le note prodotte dal suo violoncello/vibrafono e pianoforte unendole ad esili texture cameristiche ricamate con estrema lentezza e cura dei dettagli, quest'ultimo lavoro dal titolo "Where We Were" crea una spaccatura netta con il passato, tracciando (quasi) in maniera irriconoscibile un nuovo percorso sonoro dello stesso. Abbandonato (per il momento) il suo violoncello e vibrafono così come ogni forma di orchestrazione e collaborazione con i fidati Nils Frahm e Peter Broderick e persino scarnificato il pianoforte, le 8 tracce di cui si compone "Where We Were" escono come dettate da un irresistibile impulso emotivo, sotto etichetta Denovali ad un anno e poco più di distanza dal suo precedente "Digressions". Fin dal primo brano si rimane sorpresi del cambiamento così radicale, così altrettanto di come questa sua rivoluzione personale suoni matura e corposa nonostante i nuovi territori esplorati. Un lavoro solitario caratterizzato da suoni ruvidi, percussioni, synth analogici, esplosioni di ritmi pulsanti, ma anche tracce più meditative in un insieme di umori che vanno a toccare l'ambient, il drone, suoni dal sentore tribale e persino l'IDM:




Buon Ascolto! :)

6.17.2013

Antony ed i tormenti di un live evitato

Sarà da più di una decina di post che non menziono Antony, sarà mica che la mia ossessione per lei stia pian piano passando? ...macchè, probabilmente complice l'avvicinarsi delle sue date italiane e quella strana sensazione di malinconica attesa che precede ogni suo live, ma sono giorni che non so se la mia scelta di evitare lo strazio di vederla esibirsi in un concerto di sole cover e per di più aggiungendo il timore di improbabili duetti con Battiato, sia stata una buona scelta o no...probabilmente sì, ma so che comunque passerò quelle due serate a tormentarmi (magari se andate a Verona o Firenze potrete infierire scrivendo qualche commento). Tuttavia mi rincuora e parecchio la prospettiva di rivederla per l'innumerevole volta, il prossimo anno, e questa volta sarà a Madrid per la sua unica data (in realtà saranno 3) europea di Swanlights...cui di consueto seguirà un mega-post come per Copenhagen o Parigi...o tutti gli altri :)
Un vecchio classico, solo con i suoi Johnsons: 
Buon Ascolto! :)

6.13.2013

Efterklang "The Piramida Concert"

La prima volta che visitai Copenhagen fu per il mio primo vero viaggio da sola al primo anno di università; mi rimase impressa da subito e dagli anni successivi pur avendo subito il fascino delle altrettanto incantevoli capitali scandinave e dell'Islanda, è sempre stata una delle tappe delle mie vacanze estive. Fu al quarto anno di università quando trascorsi qualche mese a studiare nella loro facoltà di medicina nel corso di una summer school (altrochè quella muffosa e decadente di Torino), che ebbi modo di capire la mentalità danese e del perchè tutto sia perfetto ed efficiente, grazie soprattutto alla mia compagna di appartamento che mi fece da guida e con cui è poi si è instaurato un saldo rapporto di amicizia (piccola parentesi: un paio di anni fa lei venne a visitare Torino, ed accompagandola all'aeroporto le chiesi che cosa le fosse piaciuto...mi disse che trovava i portici molto utili ed i giandujotti molto buoni! Tutto qui :D...). Da allora, complice la mia amica danese che infierisce mandandomi foto e filmati degli angoli che più amo di CPH, per tutto l'anno non faccio che pensare alla Danimarca ai suoi dolci, agli smørrebrød di Ida Davidsen, al canale di Nihavn, alla vista di Amalieborg che si gode seduti sulla scalinata dell'Operaen sita sulla riva opposta del canale principale...ed insomma, adesso che la mia consueta settimana di vacanza danese si avvicina, i miei pensieri diventano via via più ossessivi, sicchè, data la tempistica degli eventi, e dato che li vedrò alla KocertHuset tra un mesetto, gli Efterklang, gruppo di Copenhagen che secondo me meglio interpreta l'essenza danese, ha pubblicato il Piramida Concert registrato con la Copenhagen Phil alla Royal Academy of Music Concert Hall nell' Ottobre 2012. Cui sotto si possono ascoltare "The Living Layer" e "Vælv":


Altra sessione recente ma senza orchestra:

Ed anche se li avevo già proposti in questa veste, qui sotto con la Wordless Music Orchestra, live per il Metropolitan Museum of Art di New York
God lytning, god koncert og god weekend! :)

6.12.2013

The Weighing of the Heart

COLLEEN "THE WEIGHING OF THE HEART"

Per chi non ha ancora captato la musica di Colleen, o magari semplicemente dati i 6 anni di distanza dal suo ultimo lavoro se ne è dimenticato a causa della mole di musica ascoltata nel lungo periodo intercorso, è bene ripartire da quel "piccolo" gioiellino dal titolo "Les Ondes Silencieuses" che le rese una notorietà tanto inaspettata da farle sentire la necessità di ripensare ai suoi progetti di vita e prendersi una lunga pausa:
(sul suo sito http://colleenplays.org/listen/  si possono ascoltare per intero gli altri suoi lavori) 
Colleen (Cècile Schott) è una polistrumentista francese che mette in relazione strumentazioni classiche come il violoncello, acustiche dunque la chitarra e talvolta persino barocche come una viola da gamba e strumentazioni inconsuete come bicchieri di cristallo, talvolta integrando il tutto con componenti elettroniche quali loops ed effetti delay (usati con molta discrezione), creando un' atmosfera minimale e nostalgica, ma allo stesso eterea ed elegante. Non interessata ad inutili virtuosismi, da l'idea piuttosto di voler far risaltare la risonanza degli strumenti, accentuando ed esplorando la loro parte più organica. Trasferita in Spagna in seguito al periodo sabbatico prima citato, e subite le influenze locali e dal gusto più etnico, ha introdotto nel suo set di strumenti cembali indiani, maracas, kora e xilofoni balinesiani. Elementi che hanno arricchito il suo suono conferendo un'atmosfera più fresca, onirica e persuasiva tuttavia senza alterare l'eleganza che ha caratterizzato i suoi precedenti lavori. Sotto, l'intero album come playlist su YouTube:

Nei prossimi giorni il suo tour toccherà per un paio di date anche le nostre parti...cioè, più o meno (riferendomi a Torino), con un live a Piacenza ed un paio a Perugia...



Buon Ascolto! :)

6.10.2013

Woodkid live@Nuits de Fourvière

Considerazioni dopo il concerto: tolto lo splendido effetto visivo dato dai giochi di luce dei numerosi laser che si proiettavano da ogni parte, tolta la scenografia e la splendida location, ossia il teatro romano di Fourvière dove qualche anno fa vidi Antony in uno dei suoi live più emotivamente devastanti (sigh!), tolte le percussioni pompatissime e le orchestrazioni a dir poco enfatiche, bisogna dire che Woodkid dal vivo (con orchestra) suona dannatamente bene!! ...ciò non toglie che sia un tamarro! :D 

WOODKID WITH ORCHESTRE NATIONAL DE LYON @NUITS  DE  FOURVIÈRE 
Baltimore's Fireflies
Falling
Where I Live
The Golden Age
Ghost Lights
Brooklyn
The Shore
Boat Song
Shadows
Stabat Mater
Conquest of Spaces
Iron
The Great Escape
Run Boy Run

Buon Ascolto(?) :)

6.06.2013

The Beauty Inside OST

Io vado via per qualche giorno, giusto il tempo di andare a Lione per vedere finalmente questo Woodkid accompagnato da orchestra sinfonica...anche se il sospetto che sia una tamarrata è molto forte. Poi dovrò portarmi avanti con Basinski, Boards of Canada, Colleen, Julia Holter, Daniel Wohl, Mariposa, Greg Haines....sono indietrissimo!!
Intanto lascio questo...Dustin O'Halloran tanto va sempre bene :)




MDV - DUSTIN O'HALLORAN from antonio passavanti on Vimeo.


MDV - DUSTIN O'HALLORAN 2 from antonio passavanti on Vimeo.

Già che ci siamo, c'è anche un nuovo brano di Puzzle Muteson che circola in rete:


Buon Ascolto e buona settimana! :)

6.04.2013

CocoRosie live@Bouffes du Nord

Setlist
CHILD BRIDE
END OF TIME
HARMLESS MONSTER
TEARZ FOR ANIMALS
AFTER THE AFTERLIFE
GRAVEDIGGRESS
ANA LAMA VILLAIN
FAR AWAY
UNDERTAKER
R.I.P. BURN FACE
SMOKEY TABOO
POISON
WE ARE ON FIRE
FAIRY PARADISE
GOD HAS A VOICE, SHE SPEAKS THROUGH ME
HAPPY EYEZ
WEREWOLF
TEEN ANGEL


Buon Ascolto! :)

5.31.2013

Che resti tra noi...

Hildur Gudnadottir in live streaming il 5 giugno alle 20:30...basta prenotarsi sul sito. Ma che resti tra noi, shhhh!! :)

A - Sun Amissa & Aidan Baker live@Planéarihome

Buon Ascolto e buon week-end! :)

5.30.2013

Ruiner

LEE NOBLE "RUINER"
Fa una certa impressione leggere la biografia di Lee Noble dopo aver ascoltato un paio di volte il suo album e scoprire che dietro le sue sonorità astratte e maliconiche non si nasconde un musicista canadese o di una qualche fredda sperduta cittadina del nord degli USA, ma bensì un polistrumentista di Los Angeles. Una strana combinazione di riverberi, echi spettrali, morbide modulazioni vocali, strumentazioni organiche tra cui banjo, chitarra, organo ed il tutto legato da drones analogici dalla forte caratterizzazione vintage (nulla a che vedere con i maestri Boards of Canada, s'intende!). Una starna miscela di elementi che racchiude il tocco delicato della voce rassicurante e calda in stile Benoît Pioulard nel progetto Orcas, ed un folk-drone d'atmosfera vicino a Liz Harris.



IMPASSE INVADERS #3 // LEE NOBLE // MERCREDI 27 MARS 2013 // MONTÉVIDÉO // MARSEILLE from GRIM on Vimeo.

Buon Ascolto! :)

5.27.2013

An evening with Nico Muhly and "Two Boys"

78 minuti che presentano in anteprima alcune parti dell'ultima intuizione compositiva del sempre più prolifico Nico Muhly, questa volta impegnato con un'Opera commissionata dalla Metropolitan Opera dal titolo "Two Boys", ed accompagnato da musicisti di calibro, membri (e non) della scuderia Bedroom Communities...i fidati Nadia Sirota, Sam Amidon, il duo di violiniste Jennifer ed Angela Chun, la soprano Jennifer Zetlan ed il tenore Paul Applebynella rielaborazione corale di lavori individuali.
"Hudson Cycle" (Nico Muhly, piano)
"Etude 3" (Nadia Sirota, viola; Nico Muhly, piano)
 "Am I in Your Light" (Jennifer Zetlan, soprano; Nadia Sirota, viola; Nico Muhly, piano)
"Last Words" and "Empty House" (Jennifer Zetlan, soprano and Nico Muhly, piano)
"I'm Scared for My Life" from Two Boys (Jennifer Zetlan, soprano; Nadia Sirota, viola; Nico Muhly, piano)
"Etude 1" (Nadia Sirota, viola; Nico Muhly, piano
SAM AMIDON: "Wild Bill Jones," "Short Life," "As I Roved Out," and "Saro" (Sam Amidon, voice, guitar and banjo; Nico Muhly, piano
"Honest Music" (Angela and Jennifer Chun, violins; Nico Muhly, piano)
"I'm Only Sixteen" from Two Boys (Paul Appleby, tenor; Nadia Sirota, viola; Nico Muhly, piano
"Skip Town" (Nico Muhly, piano)
                           "Etude 12" (Nico Muhly, piano) 
Buon Ascolto! :)

5.23.2013

Reach for the Dead

Chapeau!
Buona visione/Ascolto/attesa... :)

5.22.2013

Gravediggress


In attesa delle loro prossime date italiane...buon ascolto! :)

5.21.2013

This Burden is Light

FROM GIANTS "THIS BURDEN IS LIGHT"
Interessante quartetto folk/pop di Winnipeg costituito da violoncello, banjo, percussioni e chitarra acustica, al debutto con un piccolo quanto grazioso album dal titolo "This Burden Light", che si spera sia da preludio ad una prossima uscita più corposa.



My Family Will Sing by From Giants - video by J.Williams from Jeremy Williams on Vimeo.




Buon Ascolto! :)

5.20.2013

Still Smiling

TEHO TEARDO & BLIXA BARGELD "STILL SMILING"
Inutile spendere altre parole su un disco perfettamente riuscito, fascinoso, intelligente e già molto ben recensito... Tanto meglio se avete visto Blixa Bargeld e Teho Teardo accompagnati dal violoncello di Martina Bertoni nelle date del tour che ha accompagnato l'uscita dell'album (io sì, a Moncalieri)...davvero nient'altro da aggiungere oltre all'ottimo ricordo di un concerto splendido.









Buon Ascolto! :)

5.17.2013

Songs from the bedroom: Julia Kent + Paolo Spaccamonti

 songs from the bedroom - julia kent + paolo spaccamonti from giuliano girelli on Vimeo.

Buon Ascolto e buona Visione! :)

5.16.2013

Julianna Barwick "Nepenthe" (teaser)

Buona anticipazione! :)

5.15.2013

James Blake live on KCRW 2013

Rapita dal nuovo album di Colleen, su cui tenterò di spendere qualche parola, non ho avuto modo di ascoltare molto altro...sicchè, il buon James Blake vale come ottimo sostitutivo.


Buon Ascolto! :)

5.13.2013

Saltland "I Thought it Was Us but it was All of Us"

SALTLAND "I THOUGHT IT WAS US BUT IT WAS ALL OF US"
Saltland nasce nel 2010 come uno dei tanti progetti, in questo caso solista, della violoncellista canadese Rebecca Foon...forse più nota come mente dietro a formazioni quali Esmerine, Thee Silver Mt. Zion e Set Fire To Flames. Dietro alla pubblicazione di questo primo album vi è stato un lungo lavoro, continue elaborazioni, ed al progetto inizialmente solista della Foon, costituito dal suo violoncello suonato con l'ausilio di pedaliere, effetti delay e componenti elettroniche, si è aggiunta una nutrita schiera di musicisti di rango quali Colin Stetson, Jamie Thompson (già collabotatore negli Esmerine), Sarah NeufeldRichard Reed Parry dagli Arcade Fire e Mishka Stein.
Suoni organici ed elettronici si fondono in un fascinoso intreccio costituito da violoncello, violino, corposi giri di basso, echi, batteria elettronica, strumenti a fiato, sintetizzatori e la voce della Foon talvolta naturalmente dolce e melodica, talvolta invece modulata e frammentata, unendo atmosfere ambient e riflessive, a momenti invece più sincopati, attraverso un flusso sonoro che non perde mai di coerenza e continuità. Decisamente da sottolineare la capacità dei singoli musicisti di non metterci troppo del "proprio", a favore di un sound omogeneo e caratterizzato da una certa confortante oscurità che oscilla tra post-rock, folk, elettroacustica.
Il risultato è un ottimo album, diversificato in ogni suo brano e caratterizzato da una forte abilità evocativa sia dal punto di vista visivo-spaziale, che dal punto di vista temporale.
Esce sotto la consueta etichetta Constellation.




Buon Ascolto! :)

5.08.2013

Ólafur Arnalds live@(Le)Poisson Rouge

Sotto la registrazione (si può scaricare anche l'intera traccia audio su NPR), della rivisitazione dell'album "For Now I Am Winter", accompagnato da un'orchestra di 28 elementi:
SETLIST
Sudden Throw 
Brim 
Brotsjór 
For Now I Am Winter 
A Stutter 
Tomorrow's Song 
Reclaim 
Hands Be Still 
Only The Winds 
Gleypa Okkur 
Old Skin 
We (Too) Shall Rest 
This Place Was A Shelter 
Carry Me Anew 
Near Light 
Lag Fyrir Ömmu (encore)

  
Buon Ascolto! :)