2.28.2013

"Ingenue"




Buona Visione!

2.26.2013

Atoms for Peace "Amok"

Mai piaciuti i Radiohead, ma il primo sentore che il problema non fosse Thom Yorke mi venne con il suo album solista "The Eraser", ora ne ho la conferma:



Buon Ascolto! :)

2.22.2013

Dustin O'Halloran live@[F]luister

Incantevole anche se non accompagnato da violoncello, viola e violino:


Dustin O'Halloran live at [F]luister from Renier Mouthaan on Vimeo.


Buon Ascolto! :)

2.19.2013

The Revival Hour "Scorpio Little Devil"

THE REVIVAL HOUR "SCORPIO LITTLE DEVIL"
Dietro il progetto "The Revival Hour" si nascondo DM Stith, artista noto per il suo ottimo esordio Heavy Ghost uscito nel 2009 e per le sue consolidate collaborazioni con Shara Worden (My Brightest Diamond) e John-Mark Lapham, noto per le sue collaborazioni con Micah P. Hinson e Scott Matthew, oltre che come membro dei The Earlies. Per farla semplice, due artisti accomunati da una condizione che per quanto triste ed incomprensibile, ha regalato alla musica (all'arte in generale), spesso lavori preziosi, ossia essere gay e crescere in un ambiente restrittivo e bigotto. In questo caso, l'uno cresciuto in una remota cittadina ultra-conservatrice del Texas, e l'altro in una famiglia di stampo evangelico-puritano, spinto ossessivamente dalla famiglia ad ascoltare musica cristiana, nell'intento di farlo "redimere" dalla sua omosessualità (senza parole...). The Revival Hour suona dunque come una liberazione fin dallo stesso nome del progetto, traendo spunto in maniera pomposa, colorata ed orchestrale dalle sonorità '60, modernizzando un caleidoscopio di stili passando da soul singer come Dusty Springfield fino a musicisti come Roy Orbison, mischiando con successo elettronica, avanguardia, folk ed orchestrazioni sinfoniche.
Ascoltando l'album è immediatamente riconoscibile la voce di DM Stith, sempre caratterizzata dal suo accattivante falsetto isterico ed esasperato, a cui spesso fanno da contrappeso basso, sintetizzatore ed organo, giocando sull'alternanza basso-acuto con estrema eleganza e complessità con numerosi cambi di atmosfere.
Null'altro da aggiungere su questo piccolo ma prezioso lavoro, se non alcune tracce (tra tutte ("Hold Back" e "Copper House"):







Buon Ascolto! :)

2.15.2013

Grouper - Exeprimental 1/2 Hour

Settimana in tema Grouper:


Experimental 1/2 Hour - Episode XI: Grouper from Experimental Half-Hour on Vimeo.

Buon Ascolto!! :)

2.13.2013

Grouper "The Man Who Died in His Boat"

GROUPER "THE MAN WHO DIED IN HIS BOAT"
Liz Harris è un'Artista estremamente produttiva: 6 full-lenght, innumerevoli pubblicazioni tra EP e singoli e svariate collaborazioni (inutile citare nuovamente il tutto, rimando al breve ed incompleto riassunto: http://omote-no.blogspot.it/2012/03/liz-harris.html); tanto produttiva quanto schiva tanto da risultare piuttosto difficile districarsi tra le sue numerose attività, non avendo un sito ufficiale e limitandosi ad un profilo facebook non particolarmente aggiornato.
Il suo è uno stile ben consolidato capace di unire in una strana miscela la sua voce eterea a morbidi drone, atmosfere folk ad increspature ambient, il tutto a dare una sensazione confusa ed indefinita che evoca allo stesso tempo un senso di quiete ad una sfocata ed indefinita sensazione di disagio e nostalgia. Un suono cavernoso che sembra giungere alle orecchie da qualche remota sorgente sonora o forse da qualche sommesso ricordo, comunque sia, legato strettamente ad una sfera intima e privata. Od almeno, questa sarebbe la condizione ideale per esaltare al meglio l'ascolto delle sue produzioni, o meglio dire, delle sue "ambientazioni". Premesso ciò, salvo il forte carattere drone della sua ultima pubblicazione dal titolo "Violet Replacement", progetto nato come una serie di performance live basate sull'improvvisazione condizionata dal contesto ambientale della location e dal pubblico presente, ad un ascolto disattento le numerose produzioni di Liz Harris potrebbero dare l'impressione di essere apparentemente sempre uguali, una continua variazione ed una continua rielaborazione di uno stesso motivo; ma nelle giuste condizioni di ascolto (ed ovvio, avendo le adeguate attitudini al tipo di sonorità),  invece è facile rimanere incantati dall'incredibile abilità con cui la Harris riesce ad esplorare l'oscuro con una dolcezza disarmante, giostrando la sua voce con componenti organiche e riverberi elettronici, muovendosi agilmente tra differenti atmosfere, inquietudini, riflessioni, ed evocazioni mnemoniche dal forte carattere nostalgico.
Ascoltando "The Man Who Died in His Boat" la mente non può che riportare a quello che è considerato il suo lavoro più prezioso "Dragging a Dead Deer Up a Hill" (2008), difatti si tratta di una serie di outtakes (e assolutamente non di scarti) rimasti fuori dalla tracklist di quest'ultimo, la cui pubblicazione era stata preannunciata con molto anticipo.
Se "Dragging a Dead Deer Up a Hill" aveva in copertina una bambola poco rassicurante in vesti scure, ad evocare l'inquietudine dell'innocenza infantile, "The Man Who Died in His Boat" in qualche modo continua il percorso (oltre che sonoro), legato ai ricordi. In copertina appare la madre di Liz Harris ritratta in un'indecifrabile espressione sia mimica che gestuale, mentre il titolo riporta ad un altro ricordo adolescenziale della Harris, riferendosi al ritrovamento di una nave abbandonata che giunse nel porto della sua città: Hagate Beach. La barca non aveva segni di collisione, nè era capovolta o affondata, eppure del suo marinaio non se ne ebbe più traccia. La Harris spiega di essersi intrufolata all'interno dell'imbarcazione andando un giorno a pesca con il padre, e che vedere gli oggetti di uso quotidiano del disperso, il suo mobilio e constatare che anche "un cavallo senza cavaliere" può riuscire ugualmente ad approdare alla sua meta, ebbe un forte impatto su di lei.
Oltre alla storia dietro quest'ultima uscita, venendo all'album...risulta immediatamente come uno dei suoi lavori più organici, in cui vengono messe da parte le leggere sfumature drone al pianoforte  che caratterizzavano "A.I.A", ed ancor più i suoi caratteristici effetti delay, lasciando invece maggior spazio alla sua voce, alla chitarra e rivolgendosi a numerosi field-recordings dai temi acquatici...il tutto privo di quell'effetto cavernoso prima citato, conferendo così all'intero lavoro un aspetto ancor più intimo e riflessivo del normale.
Ogni brano si lega all'altro in un solido intreccio costruito su impercettibili variazioni capaci di creare un flusso continuo, in cui l'oscuro ed i tormenti non sfociano mai in esplosioni sonore, ma piuttosto in pacate riflessioni. L'apertura "6" suona come un vecchio nastro danneggiato ricco di fruscii di sottofondo a dare l'idea di logorio; la più organica "Vital" ci riporta immediatamente alle atmosfere più intime della Harris, la sua voce sdoppiata con effetti delay risulta forse la parte più nostalgica ed offuscata dell'intero lavoro. "Clouds in Place" riporta alle sonorità di "Dragging a Dead Deer Up a Hill", dando l'effetto di una  cantilena infantile, ad enfatizzare il contrasto luce/oscurità...e lo stesso discorso vale per "Cover the Long Way" in cui cori eterei si intrecciano l'un l'altro accompagnati soltanto da una chitarra in un binomio tanto fragile e commovente quanto disarmante. In "Vanishing Point" riverberi metallici si distribuiscono su uno strato di fruscii accompagnando rade note tenebrose al pianoforte elaborate con effetti delay, lasciando infine spazio ad uno degli interludi composti da field-recordings che hanno funzione di separare i vari umori su cui si districa l'intero "The Man Who Died in His Boat", per poi aprirsi nella più quieta title-track con un risultato alquanto spiazzante nella sua riuscita. Vale ancora la pena citare "STS" e "Being her Shadow", tappetti sonori che si dilungano in oscure e nostalgiche meditazioni tra delicati riverberi drone ed atmosfere ambient, amplie distese in cui la Harris riesce a catturare con dolcezza la fragilità e le inquietudini dell'animo umano.


Lascio qui sotto "Dragging a Dead Deer Up a Hill" (tra l'altro rieditato e ristampato in Lp):


E' il caso di dirlo: un ottimo Ascolto!! :)

2.11.2013

Julianna Barwick & Ikue Mori - Rejoinder

Julianna Barwick & Ikue Mori - Rejoinder from RVNG Intl. on Vimeo.

2.08.2013

Efterklang - 4AD Session

Per la prossima settimana il nuovo album di "Grouper", intanto una sessione dei danesi Efterklang per 4AD

Tracklist:
I Was Playing Drums
Alike
Me, Me, Me, the Brick House
Modern Drift


Buon Ascolto! :)

2.04.2013

Antony and the Johnsons live@Canal+ 2009

A quanto pare il Nostro apparirà da solo al festival di Sanremo, così riportano XL de La Repubblica e svariati altri siti...dopo anni di pellegrinaggi in giro per tutta Europa, questa non me la sarei mai immaginata! Scelta incomprensibile ed indigesta, tanto per il suo talento completamente al di fuori dalla portata di un evento così kitsch e bigotto, quanto per le conseguenti stupidaggini che verranno dette/scritte a riguardo.
Pazienza...una piccola parentesi su cui si cercherà di chiudere un occhio :)
Nel frattempo sono andata a ripescare nei miei archivi :) confrontando le numerose performance trasmesse nelle tv europee, e dato che non si trova in giro su web ho optato per questa registrata nel 2009 per Canal+...e l'ho messa su vimeo, così da offrire una valida alternativa per quella sera :) 
Setlist
Kiss My Name
Her Eyes Are Underneath The Ground
Epilepsy is Dancing
Another World
The Crying Light
Aeon


Buon Ascolto! :)

2.01.2013

Colin Stetson live@Cité de la Musique - Paris

Per il week-end lascio un live di Colin Stetson registrato lo scorso agosto a Parigi.

Setlist:




Buon Ascolto! :)