12.02.2015

A Winged Victory for the Sullen, live for Boiler Room



SETLIST:

00:10 Intro 
03:29 Atomos I 
12:45 Atomos II 
16:22 Atomos III 
21:14 Atomos V 
25:21 Atomos VI 
31:40 Atomos VII 
39:18 Atomos VIII 
43:39 Atomos X 
47:56 A Symphony Pathetique 
57:47 To Build A Home (The Cinematic Orchestra Cover )
1:02:57 Atomos IX 
1:08:02 We Played Some Open Chords And Rejoiced,
1:15:04 Steep Hills of Vicodin Tears 
1:21:27 Atomos XII 

  Buon Ascolto! :)

7.27.2015

Xiu Xiu - Twin Peaks

7.08.2015

Helen "Motorcycle"

Buona anticipazione!

 

7.07.2015

Moon Ate the Dark, live @[F]luister


Moon Ate The Dark live at [F]luister from Ovideo on Vimeo.

Buon Ascolto!

7.01.2015

Circuit Des Yeux - Chirp factory session




Buon Ascolto!

5.29.2015

Cecità e freddo

Piccole novità sul fronte Antonia (ormai ANOHNI...ma per questo se ne parlerà in seguito con i futuri sviluppi), dal concerto di ieri sera al Primavera Sound Fest. a Barcellona...no, stavolta niente viaggi e preparazioni per vederla. Tanto pensavo non ci sarebbe stato nulla di nuovo e sono restata in panciolle a casa senza alcun cruccio, e invece...
E quindi, davanti la proiezione di quel che sembra "Just Visiting This Planet" di Peter Sempel con star l'ormai noto Kazuo Ono, ANOHNI ha eseguito ben due brani inediti, dal titolo "Ground" e "4 Degrees" (qui sotto):

...ed una versione orchestrale decisamete interessante di "Blind":

 



Adesso mi viene da pensare che forse un volo per Barcellona non mi sarebbe dispiaciuto affatto. Sì.

Buon Ascolto! :)

2.27.2015

Playlist January/February




Buon ascolto!

 

2.17.2015

Andrea Belfi "Natura Morta"



Buon Ascolto!

2.13.2015

The Duke of Burgundy OST

Il dubbio era se dilungarmi all'infinito sulla perfezione estetica del film di Peter Strickland ed i suoi molteplici spunti D' interpretazione ed allo stesso tempo se tessere le lodi sul modo in cui la OST (curata dai Cat's Eyes) sia stata perfettamente cucita sulle atmosfere retrò e claustrofobiche delle ambientazioni del film. Poi però, in effetti The Duke of Burgundy non è stato ancora stato distribuito pressoché da nessuna parte data la sua relegazione a qualche festival cinematografico (alzo la mano per il Torino Film Festival) o per qualche sala americana. Penso si possa scordare la sua uscita nelle sale italiane, tuttavia dal 20 febbraio sarà disponibile on demand in corrispondenza con l'uscita UK. Nel frattempo, la OST non è certo un mero contorno, ma un piccolo capolavoro splendidamente evocativo e personalmente un chiodo fisso dallo scorso novembre, quando ebbi la fortuna di vedere il film nel suo ambiente naturale: una sala cinematografica.

Enjoy it!

1.24.2015

Acid Reflux


Buon Ascolto!



1.15.2015

Aino Tytti, live performance

Un nome da segnare prontamente nelle note quello di Aino Tytti, non a caso inserito da William Basiski tra i musicisti ospiti alle Arcadia Series tenute lo scorso marzo a Londra come rievocazione dello spirito del celebre studio di Williamsburg, New York. 
A volerlo etichettare come "sperimentatore" non si cadrebbe nel solito cliché ormai insensato di chi mischia strumentazioni e stili per poi ottenere un risultato non particolarmente creativo  o caratterizzante, ma in termini più concreti basta leggere il processo di realizzazione della composizione qui sotto per intendere come per l'appunto il termine "sperimentatore" si relazioni alla modalità pressoché scientifica di elaborazione del suono, che si avvale di decine di microfoni, elaborazioni, vibrazioni e riverberi a creare una finissima dark ambient che per quanto sia un chiaro omaggio al genio di Basinski, è degna di una sua personale identità. Se poi il set ripropone frammenti in slow motion di Melancholia, bè, il mix risulta particolarmente affascinante.

Si riparlerà più avanti di Aino Tytti in un post più approfondito, per il momento il suggerimento è di iniziare a sbirciare nel suo sito: http://www.ainotytti.com

Aino Tytti - live performance from Jody Allen on Vimeo.

 Buon Ascolto!

1.13.2015

Regret

Non un disco di primo ascolto, la pubblicazione di "Regret" del finlandese di Tampere Janne Perttula (aka Heroin and Your Veins) risale infatti alla fine del 2012. Neanche a dirlo, il caratteristico pessimismo finlandese più che emergere dalle sue composizioni sarebbe opportuno dire che costituisce la radice stessa del suo immaginario (parte non secondaria alla componente musicale), che per riflesso delle sue composizioni. Disfattismo, cupezza, mestizia e (non a caso) grigiore, tanto grigiore...probabilmente una soundtrack perfetta per una delle pellicole più sfigate di Aki Kaurismaki, se non fosse che la fotografia, per quanto glaciale, risulterebbe comunque sempre troppo viva se paragonata alle atmosfere di Perttula.

http://www.heroinandyourveins.net

 

Buon Ascolto!

 

1.06.2015

Playlist 2014

Buon ascolto...si spera.

1.05.2015

15 Shades Of White



Buon Ascolto!